banner_sito

I BOMBARDIERI

Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale vi erano molte forze aeree che avevano in linea bombardieri strategici mentre oggi vi è una tendenza ad avere aerei "monotipo" quindi un solo modello adattabile a svariate missioni. In tempi recenti solo Stati Uniti, Unione Sovietica e Gran Bretagna (che ha avuto in servizio contemporaneamente tre bombardieri strategici ed uno tattico) hanno sviluppato progetti di bombardieri ed hanno incontrato molti problemi, a volte anche insormontabili, nel sostituirli. B-1BUno di questi problemi è l'alto costo di un tale programma e questo è dimostrato dal fatto che il B-2A sia stato costruito in 21 esemplari ed il Tu-160 in una quarantina, di certo pochi per equipaggiare due delle più potenti Forze Aeree del mondo. I bombardieri del passato sono stati frutto di fortunati progetti e anche se il loro costo non era basso era comunque accettabile a causa della Seconda Guerra Mondiale e della Guerra Fredda che richiedevano una forza di deterrenza. Nello scenario attuale un bombardiere inteso come allora non andrebbe bene poiché sarebbe troppo lento e con gli attuali intercettori dotati di missili a medio raggio non avrebbero vita senza caccia di scorta. Allora si decise di trovare un modo per far si che un aereo divenisse invisibile e prima di arrivare agli aerei stealth si iniziò a far volare i grossi bombardieri a bassa quota, da 300 m in basso, dove la rilevazione da parte di un radar è difficile ma la Guerra del Golfo ha dimostrato che tale tattica non era valida poiché gli aerei che volavano a 60 m sul deserto potevano essere attaccati con qualsiasi arma diventando molto più vulnerabili di quanto lo fossero a media quota.Con degli aerei più piccoli si poteva avere maggiore flessibilità grazie ad un inviluppo di volo più ampio e grazie al rifornimento in volo non vi era più la necessità di avere grandi macchine che contenessero grandi serbatoi per raggiungere il raggio d'azione richiesto e grazie agli aerei da scoperta radar AWACS stare in volo è più sicuro. È per questo e per i continui cambiamenti di scenari che non è giustificabile una produzione su larga scala di bombardieri e forse non lo era nemmeno durante la Guerra Fredda poiché un solo B-52 in grado di trasportare quattro bombe atomiche da alcuni megatoni di potenza poteva mettere fine ad una guerra (così come i B-29 misero fine alla 2ª Guerra Mondiale con le due bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki).
Oggi in pratica non vi sono più linee di montaggio dalle quali escano bombardieri strategici e sono solamente attive alcune linee per la costruzione di parti di ricambio.

Mappa Del Sito