banner_sito

Mikoyan Ye-150

Mikoyan Ye-150 L'aereo sperimentale Ye-150 è stato realizzato quale banco prova del nuovo reattore Mikouline/Toumanskii R-15-300, in modo che dallo sviluppo di cellula e impianto propulsivo nascesse una futura generazione di intercettori. Inizialmente si pensò di provare il motore su un teleguidato in quanto era dotato di una vita utile molto esigua (circa 150 ore) e quindi era conveniente usarlo al banco prova a terra e con un drone. Successivamente però si decise per la progettazione dello Ye-150, capace di volare a velocità di 2800 km/h, ad altitudini comprese tra 20.000 e 25.000 m.
Il nuovo propulsore, che sviluppava una spinta massima di 6.840 kg/spinta a secco e 10.150 kg/spinta con postbruciatore era fornito di un “eiettore” speciale che gli permetteva di avere una spinta totale di 19.800 kg/spinta a Mach 2,4/2,5.
Mikoyan Ye-150 La cellula fu costruita in tutte le zone suscettibili al riscaldamento, per attrito con aria all’alta velocità, in acciaio inossidabile, migliore del Duralluminium utilizzato generalmente per la costruzione degli aeroplani. La cellula essenzialmente è composta da una fusoliera cilindrica del diametro di 1600 mm aumentata a 1650 mm in coda dove è presente postbruciatore ed eiettore. La presa d’aria nel muso è dotata di un cono fisso con in tre sezioni a differente conicità, costruito in materiale dielettrico in quanto contenente l’antenna del sistema radar Uragan-5B. All’interno del condotto della presa d’aria è presente un anello mobile che a Mach 1,65 si sposta automaticamente in avanti per regolare meglio il flusso d’aria, ed al di sotto di quella velocità torna alla posizione originaria.
L’ala è a delta con freccia di 60° all’angolo di attacco con spessore relativo del 3,5%. Sul bordo d’uscita vi sono due ipersostentatori Fowler e alettoni in due parti forniti di compensatori aerodinamici. I servocomandi di impennaggi, timone e alettoni erano dotati di un circuito idraulico indipendente dal principale. Quest’ultimo infatti era usato per il controllo del carrello, dell’anello della presa d’aria, delle valvole di scarico ai lati della fusoliera, degli aerofreni (sotto la fusoliera) e in caso di emergenza aiutava il circuito dei servocomandi. Sotto le semiali sono montati due piloni per il trasporto dei missili.
Mikoyan Ye-150 Il carrello era triciclo con gamba anteriore che si ripiegava in avanti e le gambe principali verso l’interno con le ruote chiuse in fusoliera.
Il sistema del combustibile era dotato di cinque serbatoi di fusoliera per 3720 litri e due serbatoi integrali per 245 litri ciascuno.
In coda era presente un paracadute freno PT 5605-58 con superficie di 18.2 mq.
Il tettuccio dell’abitacolo è dotato di un vetro T2-55 dello spessore di 12 mm capace di resistere fino a 1700° C.
L’Ye-150uscì di fabbrica nel dicembre 1958 ed effettuò il primo volo l'8 luglio 1960 pilotato da A.V. Fedotov. Nel corso del 4° volo, il 26 giugno, iniziarono a comparire delle vibrazioni degli alettoni a partire da Mach 0.925 e per ovviare al problema furono montati degli assorbitori.

Mikoyan Ye-150 Dopo il 5° volo le prove dovettero essere interrotte a causa della rottura della cassa di accessori del motore. I voli ripresero il 18 gennaio 1961 con un nuovo motore R-15-300. Dal 21 gennaio al 30 marzo 1961, l'aereo effettuò 8 voli durante i quali raggiungerà la velocità di Mach 2,1 e l'altitudine di 21.000 m. Successivamente si dovette cambiare nuovamente motore, cosa che permise di effettuare 20 voli durante i quali Ye-150 raggiungerà la velocità di Mach 2,65 e l'altitudine di 22.500 m.
Dopo avere cambiato l’eiettore ed avere migliorato l'isolamento termico dell’abitacolo, le prove ripresero il 14 novembre 1961 per concludersi il 25 gennaio 1962. Ci furono in totale 42 voli di prova ma le prove del sistema Uragano-5 con due missili K-9 non poterono essere effettuate e si dovette ricorrere anni dopo allo Ye-152A.

Ye-151
Dallo Ye-150 si derivò lo Ye-151 dotato di un cannone a due canne direzionabile montato inizialmente sotto la bocca della presa d’aria e poi spostato dopo l’abitacolo più vicino al centro aerodinamico dell’aereo. Il motivo dello spostamento è dovuto al fatto che in posizione avanzata, quando le canne venivano orientate generavano una destabilizzazione dell’aeroplano che non consentiva tiri precisi. Il muso dello Ye-151 era più lungo del predecessore anche se l’apertura della presa da’aria non fu modificata e successive verifiche nella galleria del vento rilevarono che l’allungamento garantiva un migliore funzionamento del motore e la modifica fu mantenuta su tutti i successivi aerei realizzati a partire dallo Ye-152A.

Mikoyan Ye-150
Tipo
: caccia intercettore sperimentale
Impianto propulsivo: un turboreattore a doppio flusso R-15-300 da 6480 kg/spinta a secco e 10150 kg/spinta con postbruciatore al decollo.
Capacità combustibile: interna 4210 litri.
Dimensioni: apertura alare 8,488 m; lunghezza 18,140 m (senza sonda anteriore), 15,60 m senza cono anteriore; superficie alare 34,615 m2; carreggiata carrello 3,322 m; passo carrello 5,995 m.
Pesi: a vuoto 8276 kg; massimo al decollo 12435 kg; carico alare 359,23 kg/m2.
Prestazioni: velocità max 2890 km/h a 19.100 m (Mach 2,72), 1.210 km/h a quota 0 (Mach 0,988); salita a 5.000 m in 80 sec, a 20.000 m in 305 sec; corsa di decollo 935 m; corsa d'atterraggio 1250 m; tangenza pratica 23.250 m; autonomia 1.500 km.
Armamento: radar Uragan-5B e due missili K-9 (mai installati).

Mappa Del Sito